giovedì 25 giugno 2009

Addio Michael.

video
Ti ho sentito mentre te ne andavi. Mamma dice che è telepatia. Le coincidenze sono troppe. Qualcosa dovrà pur significare. Non sentivo una tua canzone da mesi; da quando stavo preparando un balletto con Thriller. Poi qualche ora fa ho visto un pezzo di un tuo concerto.Così casualmente.Erano le 21.20.Finisce il video e mi si tappano le orecchie tutto d'un tratto. In quel momento te ne stavi andando.Stavi lasciando il mondo intero in lacrime.
Tu, l'uomo dai guanti neri, l'uomo che nasce di colore e muore con i complessi di un bianco.Il re del pop. I tuoi concerti sold-out.Il tuo ultimo disco, il più costoso nella storia della musica con un costo di produzione superiore a 45 milioni di dollari.
40 anni di musica, che ha solcato le classifiche di tutto il mondo. Colonna sonora di più di una generazione.Lasci una leggenda in mano ai tuoi fans, a chi ti ha sostenuto, e a chi ti ha amato.
In un tuo discorso dicevi: "Se vieni al mondo sapendo di essere amato e lo lasci sapendo la stessa cosa, allora tutto ciò che nel frattempo è accaduto sarà valso la pena."
Anche se hai avuto tantissimi problemi, spero che ora da lassù vedi che il mondo ti ha sempre amato e ti amerà per sempre, e che pensi ne sia valsa la pena.

martedì 23 giugno 2009

Il monologo più bello che io abbia mai sentito. Fino ad ora.

"Su su... svelti eh, svelti, veloci... Piano, con calma. Non v'affrettate, eh. Poi non scrivete subito poesie d'amore, eh! Che sono le più difficili, aspettate almeno almeno un'ottantina d'anni eh... Scrivetele su un altro argomento, che ne so su... su... il mare, il vento, un termosifone, un tram in ritardo, ecco, che non esiste una cosa più poetica di un'altra, eh? Avete capito? La poesia non è fuori, è dentro! Cos'è la poesia? Non chiedermelo più, guardati nello specchio: la poesia sei tu! E vestitele bene le poesie! Cercate bene le parole! Dovete sceglierle! A volte ci vogliono 8 mesi per trovare una parola! Sceglietele, che la bellezza è cominciata quando qualcuno ha cominciato a scegliere! Da Adamo ed Eva: lo sapete Eva quanto c'ha messo prima di scegliere la foglia di fico giusta? Come mi sta questa, come mi sta questa, come mi sta questa... Ha spogliato tutti i fichi del paradiso terrestre! Innammoratevi! Se non vi innammorate è tutto morto! Morto, tutto è... Vi dovete innammorare e diventa tutto vivo, si muove tutto, dilapidate la gioia! Sperperate l'allegria! Siate tristi e taciturni con esuberanza! Fate soffiare in faccia alla gente la felicità! E come si fa? Fammi vedere gli appunti che mi son scordato! Questo è quello che dovete fare! Non son riuscito a leggerli! Per trasmettere la felicità bisogna essere felici, e per trasmettere il dolore bisogna essere... Felici! Siate felici! Dovete patire, stare male, soffrire, non abbiate paura a soffrire, tutto il mondo soffre! Eh? E se non avete i mezzi non vi preoccupate, tanto per fare poesia una sola cosa è necessaria: tutto! Avete capito? E non cercate la novità, la novità è la cosa più vecchia che ci sia. E se il pezzo non vi viene da questa posizione, da questa, da così, beh... buttatevi in terra! Mettetevi così! Eccolo qua... Oh! È da distesi che si vede il cielo! Guarda che bellezza, perchè non mi ci sono messo prima!? Cosa guardate? I poeti non guardano, vedono! Fatevi obbedire dalle parole! Se la parola... "muro"! "Muro" non vi dà retta... non usatela più per 8 anni, così impara! Che è questo? Boh! Non lo so! Questa è la bellezza! Come quei versi là, che voglio che rimangano scritti lì per sempre! Forza cancellate tutto, che dobbiamo cominciare, la lezione è finita. Ciao ragazzi, ci vediamo mercoledì... giovedì."

da La tigre e la neve - R.Benigni.

lunedì 22 giugno 2009

penso..

...penso che sono 65 giorni che non parlo con lui e mi dispiace davvero tanto per quello che è successo e ogni giorno mi sveglio con la voglia di tornare indietro e non aver detto quello che ho detto, perché in fin dei conti era l’unica persona che mi ha fatto stare bene. La persona a cui tenevo e a cui tengo di più ancora adesso. E mi chiedo se a volte mi pensa o ripensa alle nostre chiacchierate,se rilegge le cose che gli ho scritto su stupidi pezzi di carta, se rivede i disegni che ho disegnato solo per lui, insomma se qualcosa gli ritorna in mente di quasi 2 anni di amicizia. Ho paura a contattarlo, perché ho paura che mi mandi nuovamente a fanculo, deludendomi ancora di più .Ma la verità è che non ho il coraggio di farlo.
Cerco di fare di tutto per non rimanere sola, perché so che se rimango a pensare, i pensieri portano dritto a lui, ma in ogni caso c’è qualcosa che mi fa ripensare, c’è qualcuno con il suo stesso nome.
Se mai leggerai tutto questo, sappi che mi machi da morire .E se per qualche stupido motivo hai tu il coraggio di contattarmi, fallo. Ti prego. Mi renderesti felice, come solo tu sai fare.
Ho messo l’orgoglio da parte, e sai che è difficile per me come io so che è difficile per te. Però se ci sono riuscita io, può riuscirci chiunque.

R.E.M.

La mia estate è iniziata già da tempo e il sole, il mare, le giornate perfette all’aperto e i viaggi non mi hanno permesso di scrivere. Ora ho trovato un po’ di tempo.
Sono stata di nuovo a Parma qualche giorno fa. Ho preso il treno di notte da Bari. Nella borsa l’mp3 con gli immancabili Muse, un libro, il sudoku e una bottiglia fresca di Belthè. Risultato: sono arrivata la mattina dopo alla stazione di Parma con un’incredibile pipì da fare e con una voglia matta di caffè. Mentre aspettavo il mio taxi privato (mio zio ^^ ), vado al bar prendo il mio caffè e ci metto l’intera bustina di zucchero. Spero mi zuccheri la giornata. Il taxi mi accompagna fino a casa della mia zia pazza che tanto adoro. Corro su per le scale e cerco disperatamente il bagno. Trovato! Come esco dal bagno mia cugina mi aspetta con gli occhi quasi in lacrime. Ok! Sorpresa riuscita! Dovete sapere che ho un casino di cugini e cugine sparse nel mondo. Ma io e due delle mie cugine, formiamo le R.E.M, acronimo di rapid eye movement, la fase del sonno in cui in cui si sogna. Ovviamente le lettere sono le nostre iniziali: R per Roberta, che sarei io, la più grande delle tre, classe 1993. M per Muriel , la via di mezzo, classe 1995. Ed infine E per Elyson la più piccola delle tre, classe 1996. Siamo molto legate e quando siamo insieme ne combiniamo davvero tante. Io sono di Bari e Muriel e Elyson di Lecce. Elyson anni fa si è dovuta trasferire a Parma, quindi abitiamo in tre paesi diversi e solo nelle vacanze ci vediamo tutte. Ecco perché io sono andata a Parma per prendere E. Così staremo insieme tutta l’estate. A Parma ci siamo fermate qualche giorno. Abbiamo cucinato pollo e insalata alle 2 di notte aspettando che iniziasse Juno su Sky. Abbiamo giocato con Fonzie il cagnolino di Ely. Ci siamo divertite con APPISSICOSO ^^ . Poi è arrivato il giorno della partenza per ritornare in Puglia e non vedevamo l’ora. Anche se ad Ely dispiaceva lasciare il suo Gimmo classe 1992. Ore 23.50: stazione di Parma. Freccia adriatica per Bari. Nel treno ovviamente non siamo state sedute tutta la notte. Ma eravamo in corridoio ad ossrvare quel bel ragazzo affacciato dal finestrino. Cappelli ricci e castani, spalle larghe coperte da una polo bianca Lacoste, bermuda blu e Converse bianche. Siamo andate tre volte in bagno solo per attraversare il corridoio e vederlo. E poi abbiamo fatto un video di nascosto al tipo facendo finta di scrivere un sms. Ore 4 di mattina. Mancavano poche ore all’arrivo ed Ely dormiva come un ghiro coperta dal piumino della Disney. Io leggevo L’irregolare Coco prima di Chanel. Ad un certo punto nel sonno inizia a ridere a crepapelle come se era sveglia. E più io ridevo più lei rideva. Poi si è svegliata e mi ha raccontato il sogno stupido che aveva fatto. Ma non ve lo racconterò! Comunque arrivate a Bari, ero felicissima. Qui tira un’aria diversa. Qui è casa. Siamo andate a mare tutti i giorni e con noi c’era anche E di gossipnef , che non sapete ma è mia cugina e si chiama Valeria e ha il mio stesso cognome perché i nostri papà sono fratelli. Ci siamo abbronzate, scottate e soprattutto divertite. Ely ora è a Lecce e fra qualche settimana andrò anche io. Muriel ha gli esami, gli scritti li ha già fatti e ora deve fare gli orali, e quando finirà inizierà davvero anche per lei l’estate. Lei sta da tantissimo tempo con un ragazzo troppo dolce che si chiama Gianluca, classe 1993.
Bhè che dire.. preparatevi al delirioooo!!

mercoledì 3 giugno 2009

Estateeeeeeeeeeeeeeee

finalmente un buon motivo per ricominciare a scrivere..
oggi è finita la scuola.. cioè finisce domani ufficialmente ma noi domani saremo in centro a fare casino.. 2CL o la va o la spacca .. SPACCHIAMO!!!!! e noi sappiamo bene il perchè..
siamo grandi.. COMPATTI.. e quest'anno è stato fantastico, comprese litigate (che non mancano mai), problemi di cuore (che non mancano mai ^^) e tutti i problemi che abbiamo avuto con la scuola ( e la maggiorparte quest'anno ce li siamo cercati ^^) , ma li abbiamo affrontati e superati.. e siamo cresciuti..quest'anno c'è stato il nostro primo viaggio insieme a Parigi.. e mi manca davvero.. soprattutto quel balcone nella camera dove ''abitavamo'' .. che ci dava quel senso di libertà.. essere svegliati la mattina con un bacio sulla fronte e tutti assonnati ci dicevamo BUONGIORNO! spero che resteremo sempre così.. uniti nel bene e nel male..tutti per uno e uno per tutti.. quest'estate ci dobbiamo divertire insieme..
per noi..per quello che siamo stati.. per quello che siamo..e per quello che saremo!